IL BLOG

Questo blog è una dichiarazione d’amore per la pizza. Nasce nella primavera del 2017 come “costola” di PugliaMonAmour.it, sito dedicato alle eccellenze enogastronomiche pugliesi, ed è dedicato a quella cosa che tutti abbiamo mangiato almeno una volta nella nostra vita.

I dati parlano chiaro: consumiamo 3 miliardi di pizze all’anno, 7,6 kg all’anno pro capite, per un giro d’affari di 6,4 miliardi all’anno con uno scontrino in media di 12 euro. In Italia si contano 25mila pizzerie dove lavorano 150mila dipendenti.

Surgelata, nel forno a legna, sul barbecue, nel forno di casa, al taglio, alla griglia. E ancora alta, bassa, a portafoglio, ai cereali, alla semola, al tritordeum. Imitata e amata in tutto il mondo la carta d’identità della pizza è italiana. Città natale: Napoli. Non ci sono storie. Noi italiani siamo in cima alla classifica dei consumatori di pizza. Ma ormai, geograficamente parlando, non è difficile trovare buone pizze anche all’estero. E non necessariamente i pizzaioli devono essere di origine italiana.

Questo blog non vuole essere solo un viaggio del gusto ma vuole raccontarvi le storie dei pizzajuoli e delle loro pizzerie che abbracciano intere generazioni di clientela, le pizze tradizionali e quelle più particolari e innovative – anche se la Margherita rimane sempre la mia preferita, come dico sempre “le cose semplici sono le più difficili” – e dare consigli per chi volesse cimentarsi nella lunga lievitazione e provare a fare la pizza a casa o, perché no, al barbecue.

La pizza, simbolo del Belpaese e ormai street food per eccellenza, spesso al centro di battaglie e polemiche, è davvero un geniale capolavoro di sapori, un’esperienza di convivialità, un esempio unico di gastronomia povera nonché un rito, o meglio, un rituale che parte dalle mani del pizzaiolo con il dosaggio e la cura maniacale delle materie prime e la qualità dei prodotti utilizzati fino ad arrivare al taglio della mozzarella – che deve essere di uno spessore giusto – e alla conoscenza del forno a legna.

Condividerò con voi non solo una tra le cose più buone al mondo, simbolo del made in Italy per eccellenza, ma anche le storie delle aziende che forniscono alle pizzerie ingredienti di qualità e quelle dei pizzaioli, uno dei lavori più affascinanti e faticosi di sempre.

Perché la pizza è una cosa seria.

Ecco il decalogo della vera pizza napoletana.